Itinerari di montagna > Valli di Lanzo > Uja di Mondrone
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html

Uja di Mondrone - Cresta dell'Ometto (2964m)

Grado: AD

Accesso:
Da lanzo torinese dirigersi verso Balme.
Superato l'abitato di Ala di Stura, subito prima di Chialambertetto prendere la deviazione a destra sul ponte verso l'abitato di Chialambertetto poi voltare a destra (tornando verso Lanzo) per alcune centinaia di metri ed imboccare la strada sulla Sx per l'abitato di Molera.
Posteggiare all'ultimo tornante prima della frazione (1450m).
Il sentiero inizia pochi metri più in alto lungo la strada, sulla sinistra.

Itinerario di salita:
Il sentiero sale con rapidi cambi di direzione fino all'Alpe Pian del Bosco, incrocia la strada che arriva da Balme e ricomincia a salire per raggiungere la quota 2030m alle diroccate Alpe le Piane (1h 45min dalla macchina).
"Per chi percorresse questo tratto col buoi, è bene sapere che la strada che arriva da Balme va semplicemente attraversata"
Da qui il sentiero compie un ampio semicerchio a dx per raggiungere il bivacco Molino (2280m, 2h 30min da Molera).
Dal bivacco (a cui si passa 30 metri a dx), proseguendo lungo il sentiero in direzione dell'ormai evidente "Ometto", si raggiunge il colle in 1h circa (2618m).

Via:
Lungo questa via è importante seguire i sempre più sbiaditi bolli Rossi.
-Si attacca subito a dx del colle per raggiungere la prima selletta.
-seguendo il filo di cresta (alle volte un poco a dx) si raggiunge la metà parete (circa) su una cengia con grosso ometto).
-questo punto è cruciale poiché qui si traversa di circa 50m a sinistra fino ad un altro evidente ometto.
-l'inizio del traverso è caratterizzato da un grande masso incastrato, si prosegue per cengia, concludendo con un delicato traverso poco prima dell'ometto di arrivo.
-dall'ometto (grande) si supera ancora il canale a sinistra e si attacca la cresta.
-da qui la salita diventa più aerea e su roccia più solida.
-l'unico ostacolo (circa a quota 2900) lo si aggira pochi metri a destra lungo una paretina quasi verticale ma ben appigliata.
-si riprende quindi la cresta fino in cima (2964mslm 3h dal colle dell'Ometto).

Itinerario di discesa:
Lungo la via normale (3h circa).

Attrezzatura consigliata: guanti da arrampicata, pedule + scarpette oppure scarponi, corda, imbrago, casco, 4/6 fettucce, serie di friends

Note:
- La via normale è stata ritracciata e si può far confusione con i bolli e le tracce. La via più sicura (più facile e più nuova) è quella segnata con bolli bianco-rossi.
- È assolutamente sconsigliato effettuare questo percorso (anche la discesa) in caso di nebbia.

- Lungo il percorso (salita e discesa) non vi sono punti ove rifornirsi d'acqua, l'unica sorgente saltuariamente presente si trova dietro il bivacco Molino.

Immagini dell'itinerario: