Itinerari di montagna > Valli di Lanzo > Uja di Ciamarella
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html
Uja di Ciamarella (3676m)

Grado: F+

Accesso: da Lanzo seguire le indicazioni per Ceres e poi per il Pian della Mussa. Parcheggiare nel posteggio al fondo della strada, subito prima del Rifugio Città di Ciriè (attenzione, parcheggio a pagamento, 3€/giorno).

Itinerario di salita: Al termine del posteggio imboccare una sterrata (cartello per il rifugio Gastaldi) sulla sinistra. Superato il torrente stura (ponte), il sentiero prende quota con rapide svolte per raggiungere il Pian dei Morti (non è un vero piano h0,45). Qui un bivio in prossimità di un cartello dà la possibilità di salire direttamente per una buona traccia al Pian Giais (1h, 2600mslm). Proseguire lungo il piano superando alcune piccole lingue di neve fino ad un ometto (alto 1 metro) con un cartello giallo indicante “Ciamarella”. Qui guadare il torrente e su ottimo sentiero segnato da ometti e segni bianco-rossi risalire i pendii via via più ripidi della Ciamarella fino a quota 3100 mslm quando si giunge alla base dell’omonimo ghiacciaio (3h 30 min). tutta  Calzare i ramponi (ed in caso legarsi) e risalire il ghiacciaio tracciando un ampio semicerchio a sinistra per evitare tutta la zona centrale crepacciata (ben visibile). Giunti sulla piatta sommità del ghiacciaio, volgere alla destra del “triangolo” sommitale (5h 3400mslm) dell’Uia di Ciamarella, da cui un’ottima traccia con due diagonali porta in cresta. Qui calzati nuovamente i ramponi, con pochi attenti passi si guadagna la vetta (6h, 3676mslm).

Itinerario di discesa: lungo l'itinerario di salita.

Tempo di salita: 6h
Tempo di discesa: 5h

Attrezzatura consigliata: pedule, imbrago, corda, ramponi, picozza

Note:
- Data la lunghezza e le difficoltà dell’itinerario , si consiglia di dividere l’ascensione in 2 giorni (volendo pernottando al Rifugio Gastaldi).

Immagini dell'itinerario: