Itinerari di montagna > Valli di Lanzo > Tour del Massiccio Arnas-Croce Rossa
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html
Tour del Massiccio Arnas-Croce Rossa (3205m max)

Grado: E

Dislivello positivo: 2200m circa

Accesso: Risalire la Valle di Viù fino a superare l’abitato di Usseglio. Arrivati alla frazione Villaretto, svoltare a destra appena prima di un ristorante (indicazione S. Anna). Seguire la stradina asfaltata oltre la Frazione Castello. Proseguire superando la chiesetta di S. Anna fino all'imbocco del sentiero per il Rifugio Cibrario (cartello indicatore in legno) ove parcheggiare (nelle piazzole limitrofe).
Itinerario di salita: 
G1: seguire la strada fino ad una biforcazione. Prendere a destra, superare la sbarra metallica e lungo la strada raggiungere il lago dietro al torre (1h 30min dalla macchina).
Dal lago continuare per la strada (ormai sterrata) fino al vallone soprastante. Subito prima di una enorme balza rocciosa (sulla sinistra) seguire un sentierino che abbandona la strada e risale il ripido pendio erboso a sinistra, portando al lago della Rossa (1h dalla Torre) ed al bivacco San Camillo (2735m, dotato di presa 220V).
G2: dal bivacco proseguire per ottimo sentiero fino al Collarin d’Arnas (2851m) e poi in discesa (attenzione al verglas) in direzione del rifugio Gastaldi.
A quota 2600m circa (ottimi cartelli indicatori) abbandonare la discesa per riprendere a salire a sinistra in direzione del Col d’Arnas (3010m, 3h dal bivacco).
Dal colle scendere (terreno infido) sul ghiacciaio d’Arnas (in condizioni sempre peggiori) e traversarlo in discesa in direzione (logica) di due ripiani erbosi a quota 2500m circa (1h dal colle).
Da questi ripiani iniziare un semicerchio (ricco di salite e discese per evitare le balze rocciose) attorno al massiccio Arnas-Rossa (infinitamente lungo) per tracce di sentiero. Lungo questa parte della traversata si incontrano le tracce di salita che costituiscono le vie normali francesi della punta Maria, Arnas e Croce Rossa. 
Al termine di questo “aggiramento” (che durerà 2h circa) si giunge la lago formato dal ghiacciaio du Baounet (da cuoi parte la normale francese del Croce Rossa).
Risalire il ghiacciaio sulla sinistra per evitare le zone maggiormente crepacciate fino ad individuare sulla sinistra il colle della Valletta (3205m). Tale Colle è facilmente individuabile essendo il primo che si incontra con lo sguardo scendendo dalla cresta sud del Croce Rossa (8h dal bivacco).
Dal colle per ormai comodo sentiero si scende al lago Peraciaval ed in breve al rif Cibrario (2616m, 40min). Dal Rifugio sempre su ottimo sentiero si scende fino alla ex ferrovia (Torre-Malciaussia) in circa 1h e 30min, si percorre questa per un centinaio di metri a destra fino ad individuare una scala che permette di riprendere il sentiero che in 30min riporta alla macchina. 

Tempo totale
G1: 3h
G2: 11h

Attrezzatura consigliata: pedule, ramponi, imbrago, corda (materiale per attraversare un ghiacciaio in sicurezza), GPS

Note:
- traversata lunga, e per tutta la parte in territorio francese senza vie di fuga “semplici”.
- i tempi sono stati indicati per alpinisti allenati e con buone capacità di movimento ed orientamento su ogni terreno.
- data la totale mancanza di indicazioni, riferimenti e punti d’appoggio dalcolle d’Arnas al colle della Valletta si sconsiglia vivamente questa gita in caso di rischio nebbia o nuvole basse (per questo è consigliato il GPS).
-Dal Bivacco san Camillo fino al lago Peraciaval non vi è possibilità di reperire acqua se non quella di scioglimento dei ghiacciai.