Itinerari di montagna > Valle Po > Monviso cresta Est
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html

Monviso cresta Est (3841m)

Grado: AD

Difficoltà: III grado con alcuni passaggi di IV obbligatorio, possibile 100m su ghiaccio a 45*

Dislivello positivo: 1800m circa
Dislivello difficoltà: 1000m circa

Accesso: da Paesana risalire per Valle Po fino all'abitato di Crissolo, superandolo per raggiungere il Pian del Re dove si parcheggia (2020m).

Itinerario di salita: Al fondo del parcheggio del Pian del Re imboccare il sentiero V13 per il rifugio Quintino Sella. Se si percorre questo tratto di notte, porre attenzione, DOPO aver contornato il lago Chiaretto, a seguire il sentiero che sale a zig zag verso sinistra in direzione della Rocca Turne.
Al termine di una lunga pietraia quasi pianeggiante si raggiunge il Colle del Viso (2h 15min, 2650m) da cui si può notare a sinistra del lago Grande di Viso, il rif Sella.
Dal colle voltare a destra e per pietraia risalire la morena in direzione del couloir Barracco (cioè il secondo e più grande che si incontra) seguendo i radi ometti.
Una volta messo piede sul ghiacciaio risalirlo fino a prendere il ramo di destra ed individuare circa 50m oltre la biforcazione, una comoda cengia utile a prepararsi per la cresta.
Risalire la cresta sul filo seguendo i radi segni gialli.
Superata quota 3000 individuare una placca bianca sotto il torrione Saint Robert. Raggiuntala piegare a sinistra nel canale di sfasciumi che aggira il torrione.
Dal canale riguadagnare la cresta e superando direttamente i torrioni rimanenti (quasi sempre tenendosi a sinistra) ricongiungersi alla via normale pochi metri prima della vetta.
N.B. È possibile aggirare il torrione più delicato seguendo la via  di fuga "della lepre", per riprendere subito sopra il filo di cresta.

Itinerario di discesa: lungo la via normale, per il bivacco Andreotti ed il passo delle Sagnette

Tempo totale: 16h30'

Attrezzatura consigliata: scarponi, ramponi, casco, lamp frontale, piccozza, corda, 6 rinvii, 2 fettucce, 4 friends medi (per fessure da 3 a 6 cm circa), imbrago

Note:
- corda minimo 30m, utili 50m per effettuare alcune doppie scendendo lungo la normale

- si consiglia di dividere la gita in 2/3 giorni pernottando al Rifugio Sella

Immagini dell'itinerario: