Itinerari di montagna > Val di Susa e valli limitrofe > Traversata punta Charra Guglia dArbour Grand Hoche
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html

Traversata punta Charrà, guglia d'Arbour, Grand Hoche (2844m, 2804m, 2764m da Chateau Beaulard)

Grado:


Accesso: Da Susa raggiungere Oulx. Proseguire in statale verso Bardonecchia e superato Savoulx prendere la deviazione a sinistra per Beaulard.
Proseguire dritto senza entrare nel paese e dopo 10min si raggiunge la frazione Chateau.
Prendere la sterrata prima del paese (non quella sul tornante ma poco dopo), e posteggiare negli ampi spazi adiacenti la palina con indicazioni per il rif Rey.

Itinerario di salita: seguire il sentiero fino al rifugio Rey (1h 20min). Subito oltre il Rey seguire le indicazioni per S.Giusto e madonna della Sanità che con un lungo saliscendi porta sotto il passo della Mulattiera, che si raggiunge per ottimo sentiero (2409m, 2h dal Rey).
Sulla cresta subito sopra la casamatta (da visitare!!!) parte il vecchio sentiero attrezzato degli alpini che in 1h porta al passo Sanità (ora attrezzato come via ferrata).
Dal passo volgere a sinistra e risalire la cresta che prima sul filo e poi sul versante francese, con una ottima traccia (bolli ed ometti sempre presenti) porta in cima alla punta Charrà (1h 10min dal colle).
Per lo stesso itinerario tornare al colle e dirigersi ai ruderi posti in cresta subito prima dell'attacco della cresta Ungherini.
Dai ruderi scendere "a piombo" nel versante francese andando ad incontrare i primi bolli sbiaditi e distanziati.
Scendere lungo le rocce (destra idrografica del canale) incontrando sempre più bolli di segnalazione, fino alla base della bastionata rocciosa; qui il sentiero contorna la parete e seguendo i bolli (adesso ben visibili) risale fino in cima alla Guglia d'Arbour (2804m, 1h 10min dal colle).
Dalla vetta in pochi minuti per ottima traccia si raggiunge la Grand Hoche (2764, 10min dalla Arbour).

Itinerario di discesa: proseguire per il sentiero in discesa, fino al passo dell'Orso (30min), piegare a sinistra (ottimo sentiero) e scendere fino al rifugio Rey (1h dal colle) e da qui lungo l'itinerario di salita tornare al parcheggio di Chateau Beaulard (2h dalla vetta).

Tempo totale: 9h 20 min

Attrezzatura consigliata: pedule

Note:
- acqua non presente lungo tutta la traversata