Itinerari di montagna > Val di Susa e valli limitrofe > Punta del Villano
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html

Punta del Villano (2663m)

Per il colle Aciano e la cresta est

Grado: F-

Accesso: giunti a San Giorio diSusa imboccare la strada che conduce al Parco Orsiera(seguire indicazioni per Travesa Mont / Paradiso delle Rane); giunti al piccolo parcheggio di Traves a Mont (fontana e cartello indicatore del Parco) lasciare l'auto poiché la strada prosegue ancora per qualche centinaio di metri ma è percorribile solo dai residenti.

Itinerario di salita: proseguire la strada per circa 100 mt ed imboccare poi un grosso sentiero (chiaramente segnalato) sulla dx checonduce al Rifugio Amprimo (40'). Dalla fontana situata di fronte al rifugio parte unevidente e ben segnalato sentiero che conduce all’AlpeBalmetta (segnalatada cartelli indicatori di vendita formaggi) (25'circa dal Rifugio Amprimo).

Superato l’alpeggio senza lasciare il sentiero, dopo poco ci si trova ad un bivio con carelli indicatori.

Seguire verso sinistra sul ripido pendio erboso seguendo le indicazioni per il Colle Aciano(1h15’) dapprima su tracce di sentiero poco evidenti e dopo su sentiero ben segnalato e facilmente riconoscibile.

Raggiunto il colle, deviare decisamente a destra lungo il crinale erboso tenendosi sempre sullo spartiacque erboso. Nel primotratto (30’ circa) la presenza di alberi ed arbusti a basso fusto (rododendri ed atri)rendono difficoltosa la vista del sentiero.

A quota 2085m abbandonareil sentiero 516, che prosegue in falso piano tra la vegetazione per raggiungere il Piano delle Cavalle, e seguire decisamente il pendio alla destra, sempre cercando di mantenere la cresta, per guadagnare velocemente quota.

Il terreno si fa via via più erboso e le specie arbustive lasciano spazio ad ampi prati costellati di fiori.

Raggiunta quota 2340m (circa 2 h daColle Aciano) abbandonare la cresta e tagliare a mezza costa sul versante esposto asud (alla Vs. sinistra) fino a raggiungere e superare delle asperità rocciose, che costituiscono le pendici dei diversi canali che salgono ripidamente fino alle antecime dellaPunta del Villano su sfaciumi.

Mantenendo una quota costante, superare diverse vallette su sfaciumi nonsempre di facile attraversamento fino a portarsi al di sotto della Punta del Villano.

Risalire il ripido pendio (con pendenze che a tratti raggiungono anche i 45°-50°) per prati erbosi, sfaciumi eroccette (mai richiesta capacità su roccia), per gli ultimi 300 m che conducono alla vetta (la croce di vetta risulta chiaramente visibile e punto di riferimento per la salita) 3 h dal Colle Aciano.

Itinerario di discesa:

Lungo la via normale, in 30’ circa si raggiunge il Colle del Villano e da qui peril rifugio Toesca e l’Amprimo si torna alla macchina . (3h30min dal Colle del Villano alla macchina).

Variante:

Volendo chiudere un apprezzabile anelloe passare per il Rifugio Geat Val Gravio,dal Colle del Villano seguire il sentiero bensegnalato con bolli rosso/bianchi che conduce prima al Lago Rosso (Pian delle Cavalle), poi all'Alpe Mustione perarrivare infine al Rifugio GeatVal Gravio.

Superato il rifugio in direzione di Città, dopo circa 20' si incontra sulla sx unadeviazione (cartello segnalatore) che riconduce a Traves a Mont (tempo complessivo della discesa 4 h 30').

 

Note:
- percorso di salita sconsigliato in presenza di neve o terreno bagnato, in quanto la forte pendenza e la presenza di erba generano alto rischiodi scivolamenti e caduta.

 

Attrezzatura consigliata:

Scarponi, bastoncini, eventualmente un pezzo di corda per camminare in sicurezza nei tratti maggiormente esposti.