Itinerari di montagna > Val di Susa e valli limitrofe > Punta Melchiorre froid
  • Show/Hide Border
  • Table Properties
  • Delete Table
  • Row
    • Insert Row Above
    • Insert Row Below
    • Delete Row
  • Column
    • Insert Column to the Left
    • Insert Column to the Right
    • Delete Column
  • Cell
    • Merge Cells Horizontally
    • Merge Cells Vertically
    • Split Cell Horizontally
    • Split Cell Vertically
    • Delete Cell
  • Cell Properties
  • Table Properties
  • Properties...
  • Image Map Editor
  • Properties...
  • OpenLink
  • Remove Link
  • Insert Select
  • Cut
  • Copy
  • Paste
  • Paste from Word
  • Paste Plain Text
  • Paste As Html
  • Paste Html

Punta Melchiorre (2948m)

Per il vallon froid dalle grange di valle stretta


Avvicinamento: 

Raggiunta la Valle Stretta, posteggiare subito oltre la grande malga prima dell’ultima salita. 

 

Itinerario di salita: 

Si attraversa subito il torrente sul ponte di fronte alla malga per salire a destra pochi metri di sentiero e poi direttamente il conoide dell’evidente canale che si insinua tra le falesie della punta Gasparre (ben visibile dalla malga).

Risalito il canale, questo curva a sinistra e conviene risalirlo per facili passi di arrampicata nell’alveo del torrente.

Quando sulla sinistra appare un arco naturale di roccia (Passo della Gallina, 1h 15min), si esce dal canale passandovi sotto, e si reperisce una vaga traccia che risale il pendio tra pendii terrosi e detriti. Si giunge così ad una cengia sopra il canale appena salito, da cui salendo a sinistra (dritto) con facili passi di arrampicata (max II da disarrampicare in discesa) e rapidi “aggiramenti” si superano le bastionate rocciose raggiungendo il pendio superiore.

Questo è il passaggio chiave ed in discesa può creare qualche problema sopratutto in caso di scarsa visibilità).

Salire per pendii erbosi aggirando le ultime fasce rocciose sulla destra fino ad individuare e raggiungere un pino solitario all’imbocco del vallon Froid (2h 15min).

Risalirlo fino ad un colletto dove il vallone si allarga e si presenta davanti una splendida conca di erba e sabbia. Si punta ora alla cresta di fronte, nel punto in cui da terrosa diventa rocciosa alla base della cresta SE della Punta Melchiorre (a sinistra, 3h 30min dalla macchina).

Si risale subito un facile “camino” che risale il versante “Rho” per reperire sulla sinistra un facile diedro (max II grado molto esposto) che porta sul pendio sommitale della punta Melchiorre.

Risalendo il pendio sospeso si raggiunge in pochi minuti la vetta contrassegnata dal nodo di confine (4h).


Itinerario di discesa: lungo l’itinerario di salita. 


Dislivello: 1250m


Attrezzatura Consigliata: scarponi, corda.